Festa Apertura

festa-2016

Piove e l’aria fuori è frizzante, ma dentro si sta bene, si è in 10, poi 20 e poi piano piano in centinaia. Mani che si stringono, palloncini in aria sospinti dai bambini, e poi risate, foto e chiacchiere. Famiglie con bambini, anziani e giovani coppie, ognuno con la sua storia ma uniti dalla stessa voglia di raccontare che l’amore è condivisione, perché uniti si è più forti, insieme si può fare.

Paola

*****************

 

Opportunità di incontrare e parlare con chi di solito non si ha tempo o possibilità di farlo.  Un momento per sperimentare la bellezza di lavorare insieme, anche tra generazioni diverse

Luca

"Durante la festa ho avuto l'opportunità, allo stand della carità, di giocare coi bambini all'anagramma di parole....ho fatto un po' il clown - per loro e con loro - e mi sono divertita molto...forse anche il Signore, vedendoci così sereni, si è divertito assieme a noi ".
questa è stata, per me, l'esperienza più coinvolgente e sorprendente della giornata.
Papi

E' stata una giornata faticosa ma entusiasmante, per il calore delle persone che riunite si sono sentite come a casa.

Daniele

Family Game – Family Game!!!   Per avere il timbro deve rispondere ad una semplice domanda del nostro cruciverba…
Quanti sono i nostri frati? Qual è il nome della Città Santa? Qual è l’ultima esortazione apostolica di papa Francesco?
E così via. E tutti con un sorriso ci provavano e ci riuscivano, magari con qualche aiutino, a completare il cruciverba.
Così, per guadagnarsi il tanto agognato timbro sulla cartolina. Ma cosa si vince?
La cartolina stessa e… 50 punti Paradiso    J
 
Una festa, in famiglia, la nostra famiglia parrocchiale. In serenità, semplicemente, con la curiosità e il desiderio di incontrarsi.
E così abbiamo incontrato Anna che ci chiede di poter partecipare agli incontri delle famiglie con Padre Franco.
E così abbiamo incontrato Davide: vieni con tua moglie nel gruppo giovani coppie di Aquila e Priscilla, siamo coetanei, camminiamo insieme.
Una festa: tanti volti, tanti sorrisi e la possibilità concreta di incontrarsi.

Francesco

E' stata una festa ben riuscita, che ha dato modo alle persone della comunità di rendersi conto delle varie attività e proposte esistenti anche in modo approfondito quando risultavano di interesse. Anche il pranzo, in spazi più ristretti del solito, ha avuto un buon successo permettendo alle persone di parlarsi e conoscersi (c'era meno rumore del solito!).
L'aspetto che però mi ha reso più contento è stato vedere tante persone darsi da fare insieme per preparare e per gestire il tutto; penso abbiamo dato una buona testimonianza di cosa significhi comunità.

Marco

Domenica era una giornata Uggiosa ovunque.. ma non al KOLBE!!

Incuranti della pioggia i parrocchiani hanno risposto alla grande al richiamo della consegna del Mandato della visita del Nuovo Centro Giovanile al Pranzo Comunitario e alla Castagnata. Davvero una bella Giornata frutto di una grande partecipazione delle persone e dell’impegno degli addetti ai lavori. Evidente stupore e soddisfazione per le proposte, i luoghi così diversi e accoglienti, e l’innovativa modalità di esposizione e di coinvolgimento. La visione del nostro Padre Parroco di iniziare l’Anno Parrocchiale/Pastorale attendendo il termine dei lavori sembra abbia già dato buoni frutti.

 

Domenico

che dire? Per me è stata un'esperienza che mi ha riempito molto ho sempre avuto nella preparazione e nello svolgimento della festa la sensazione di sentirmi a "casa".
Una casa serena, aperta, accogliente, viva,piena di progetti, coinvolgente nel modo giusto rispettando le esigenze delle persone.
Non ho mai sentito il peso dell'impegno e anche colorare un cartellone mi ha dato una gioia immensa.
Per quanto riguarda la giornata di apertura studiando il progetto pastorale parrocchiale mi ha colpito molto il concetto portatori di " bellezza", ( essere profeti di bontà così da essere contagiosi ed avere sete di verità ) ecco, io ho cercato di fare mio nel giorno della festa di apertura questo concetto così da trasmetterlo il più possibile alle persone che incontravo.
In più vedere tante persone , nonostante il brutto tempo, curiosare e valutare sia le aule nuove e le varie aree del progetto pastorale positivamente ti fa capire sempre di piu' cosa vuol dire ESSERCI.

Annamaria

 

 

 

“ La sensazione è stata quella di far parte di qualcosa di più grande. Una Chiesa, una parrocchia, una famiglia, la più grande di tutte, quella di Dio. In questa famiglia immensa, ci siamo trovati tutti insieme, felici di scambiarci una parola, un sorriso, un gesto di amicizia e di solidarietà. Grazie per la bella esperienza a chi ne ha fatto parte e, soprattutto, grazie a LUI che, lo sappiamo, era lì, in mezzo a noi, più vivo che mai.”
Ada

SCOPRI COME AIUTARCI 

Aiutaci