Eucarestia

Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunciando la benedizione, lo spezzò e lo diede ai suoi discepoli dicendo: “Prendetene e mangiate; questo è il mio corpo”. Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: “Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati”. (Mt 26, 26-28)

Cos'è l'Eucaristia

 L'Eucaristia trasforma il pane e il vino nel Corpo e Sangue di Gesù sacrificato, morto per noi. E' il cuore di tutti i sacramenti e si può forse dire che tutti gli altri sacramenti discendano da questo. E' il modo che Gesù ci ha donato per perpetuare la sua presenza tra di noi e per costruire la comunione con Lui e tra di noi formando la comunità che Lui ha voluto e fondato: la Chiesa.

 La celebrazione dell'Eucaristia (la S. Messa) è il momento in cui la comunità cristiana si raccoglie insieme al suo Signore per ascoltarne la Parola, accogliere il dono del Suo corpo e del Suo sangue, fare comunione con Lui e tra i partecipanti e, rinfrancati dall'incontro con Lui, uscire nel mondo per testimoniare il suo Vangelo.

 L'Eucaristia fa parte dei sacramenti dell'iniziazione cristiana e, anche se nella prassi di oggi viene prima della Confermazione, conclude l'iniziazione cristiana. A differenza del Battesimo e della Confermazione l'Eucaristia è un sacramento che può e deve essere assunto più volte e con continuità dal cristiano, proprio perché è fondante della sua fede e della sua comunione con Cristo.

L'Eucaristia per i ragazzi (Prima Comunione)

Il Sacramento dell'Eucaristia viene dato ai ragazzi dopo un appropriato cammino di catechesi che dura due anni e orientativamente va dagli 8 ai 9 anni (Terza – Quarta Elementare). Per i dettagli sulle modalità di iscrizione e sul programma catechistico vedi qui.

Come ricevere l'Eucaristia

L'Eucaristia viene normalmente consacrata e distribuita durante le S. Messe. Ogni fedele che ha fatto la Prima Comunione può accedere al sacramento se non è in peccato mortale (v. anche Riconciliazione).

L'Eucaristia per i malati

Per i malati che non possono partecipare alle S. Messe, la Parrocchia mette a disposizione un servizio di distribuzione dell'Eucaristia presso la propria abitazione. Ciò viene fatto da sacerdoti, ma anche laici e consacrati (Ministri straordinari dell'Eucaristia) che si mettono a disposizione volontariamente.

Come richiedere l'Eucaristia presso la propria abitazione

E' possibile ricevere l'Eucaristia presso la propria abitazione in caso di necessità, richiedendolo in Parrocchia. Il sacerdote di riferimento è Padre Ermanno.

Come diventare Ministri straordinari dell'Eucaristia

Diventare Ministri Straordinari dell'Eucaristia è un modo per mettersi al servizio della comunità e in particolare dei più bisognosi e dei più deboli. Comporta anche l'assunzione di una responsabilità facendosi “portatori di Cristo” ai fratelli; per questo motivo, per accedere a questo ministero, è necessaria  la partecipazione ad un corso organizzato periodicamente dalla Diocesi dopo averne fatto domanda al Parroco. Il corso è orientativamente organizzato su 6-7 incontri e affronta i seguenti temi (per informazioni più dettagliate su contenuti e calendari si può fare riferimento al sito diocesano nella sezione Vivere la Chiesa – Scuole Diocesane per Operatori Pastorali):

  • Unità di missione e pluralità di ministero.
  • I laici nella pastorale.
  • Il ministero straordinario della Comunione eucaristica;
  • Il sacramento dell'Eucaristia e la Comunione eucaristica;
  • L'esercizio del ministero straordinario della Comunione eucaristica;
  • Riflessione teologica sul dolore;
  • Il malato e la relazione di aiuto;
  • La spiritualità del Ministro Straordinario.

 

Per approfondire: L’Eucaristia e la bellezza di Dio; perché andare a messa la domenica? – B. Forte